top of page

Tumori, boom in età precoce: è colpa dell'inquinamento


L'oncologo napoletano esamina i dati drammatici dell'incremento anomalo di patologie



L’incidenza dei tumori è aumentata di circa l’80% a livello globale negli ultimi 30 anni e, tanto, nonostante gli enormi progressi tecnologici in ambito medico-scientifico che, attualmente, consentono di diagnosticare patologie più meno gravi e/o più o meno rare in maniera molto precisa e rapida. E’ recentissima, infatti, la pubblicazione scientifica sulla rivista specializzata in medicina oncologica, BMJ Oncology, in cui si evidenzia un aumento dell’80% dello sviluppo dei tumori a livello globale. Piu’ nello specifico, i ricercatori hanno esaminato i dati provenienti da 204 paesi tra il 1990 ed il 2019, rilevando che l’ incremento della patologia, negli ultimi 30 anni, non solo si concretizza nella presenza di oltre di 3,26 milioni di casi di cancro ma che gli stessi, purtroppo, avrebbero un esordio precoce, sviluppandosi in pazienti con età inferiore ai 50 anni. In linea teorica si definisce “esordio precoce” la diagnosi che si ottiene tra i 14 ed i 49 anni.


I tumori più rappresentativi, sono quello al seno che costituisce il 16,5%, dei casi più precoci, seguito dal cancro alla prostata e da quello rinofaringeo.

​I dati discussi sono certamente preoccupanti ma non possiamo esserne stupiti.


Il tumore è una patologia multifattoriale il cui sviluppo, non ha solo implicazioni o predisposizione genetiche ma è influenzato dall’ambiente e dagli stili di vita. Oggi, il cancro viene più correttamente definito una malattia genetico ambientale. I ricercatori hanno sicuramente notato delle considerevoli differenze di incidenza tumorale tra paesi in base alle diverse disponibilità di assistenza medica. E’ intuibile come adeguate campagne di screening e prevenzione possano aver impattato sia sul numero di casi e che sul numero dei decessi. Ma lo studio conclude affermando che i fattori dietetici sarebbero i responsabili del predetto aumento.


Cattiva alimentazione, uso di alcol e tabacco, inattività fisica ed obesità svolgerebbero un’azione sinergica importante.


A questo punto, allora, vale la pena considerare anche i livelli di inquinamento ambientale. La qualità dell’ambiente, infatti, influisce severamente non solo sullo sviluppo delle patologie croniche, inclusi i tumori, ma svolge un ruolo epigenetico responsabile anche dell’esordio precoce. Ancora, i contaminanti ambientali se accumulati nell’organismo umano interferiscono con le cure del paziente, facendo aumentare così anche il numero dei decessi.

Comments


bottom of page